Una domenica a Varazze..

Una bella domenica di gennaio partiamo da Milano in direzione mare..La previsioni del tempo promettono bel tempo e una temperatura di 18 gradi, quindi non possiamo non prendere la nostra motorhome Tuono/Fragolina e partire alla volta della Liguria, certamente il mare più vicino e più facilmente raggiungibile da Milano.

Andiamo al rimessaggio dove teniamo la nostra casetta viaggiante, la prepariamo e ci prepariamo bene e via.. si parte.. Si carica l’acqua, si carica la pappa per il pranzo e si caricano anche Sofia ed Elisa che si sistemano ai loro posti di manovra con i loro fogli e colori..

Il viaggio prosegue tranquillo fino al.. 45° parallelo nord..
Il 45° parallelo segnala la latitudine e si trova in un punto equidistante fra il Polo Nord e l’Equatore: 5000 chilometri esatti da entrambi i punti.. Forse non tutti sanno che sull’autostrada A7 Milano-Genova nei pressi di Castelnuovo Scrivia c’è un cartello marrone che segnala graficamente il 45° parallelo su di un globo.. e noi ci siamo appena passati!!

image4

E adesso via diretti verso il mare.. Uscita Varazze direzione del parcheggio per Camper di fianco alla stazione ferroviaria.. L’area sosta non è niente di che, si tratta di uno spazio sterrato, senza segnalazioni o servizi ma gratuita, con di fianco un supermercato e a pochi metri dal porto e a 10 minuti di passeggiata sul lungo mare dal centro.. Va benissimo per noi, e anche per molti altri visto che il parcheggio è praticamente pieno.. Nessun problema.. ci sistemiamo bene e vista l’ora comincio subito a preparare il pranzetto così poi siamo liberi per stare tutto il tempo che vogliamo in spiaggia..

Oggi Mamma Camperista si impegna abbastanza e cucina e apparecchia la tavola in modo più estetico per fare qualche foto per Instagram (ahahahahahah).. mentre Paolo sceglie un buon vinello!!

E adesso una bella passeggiata verso il mare.. Quello che ci voleva proprio!! Sia per noi che ci gustiamo un bel caffè sulla spiaggia sia per le bimbe che senza scarpe e calze si divertono sulla sabbia e con un bel gelato!! Un assaggio di primavera che ci ben sperare.. Il sole è davvero vitale!! Ti fa sentire proprio bene..

image8.jpeg

E dopo questa bella giornata ci si avvia verso Milano ma non prima di avere il tempo di goderci dal finestrino della nostra Motorhome di un romantico tramonto sul mare..

image11.jpeg

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Varazze:

Parcheggio – Area Sosta Camper
https://www.camperonline.it/area-di-sosta/area-sosta-varazze_1108

Varazze
http://www.v4r.it/sitoweb/

 

 

Sulla via del ritorno.. Riva del Garda e MART di Rovereto

Scusate l’assenza di qualche giorno ma come potete immaginare la vita di una mamma che lavora è abbastanza intensa, ma oggi finalmente sono riuscita a trovare un momento libero per scrivere un nuovo articolo..

Si tratta del nostro viaggio di ritorno dai mercatini di Natale di Merano.. Infatti una volta imboccata l’autostrada del Brennero per tornare verso Milano, decidiamo di comune accordo di fare uno stop sul Lago di Garda, precisamente a Riva del Garda, nel Camping Brione che resta aperto proprio per le festività.

Arriviamo a Riva del Garda verso le 19:00, prendiamo la strada per il Camping e dopo aver fatto check in andiamo a sistemarci nella nostra piazzola che prevede allaccio elettrico e scarico delle acque, papà Paolo sistema tutto il necessario mentre io mi occupo di rassettare un pochino il camper e soprattutto di preparare una veloce cenetta per tutti.. La cosa più divertente è il dopo cena, infatti decidiamo di giocare tutti insieme ad “Indovina l’oggetto che ho in testa”.. potete immaginare le risate che ci facciamo visto che Elisa pensa bene di dire ogni volta ogni oggetto a prescindere se sia o meno il suo turno, alla fine grande confusione ma grande divertimento..

Devo proprio dire che la vita in camper ci rende ancora più uniti.. E’ un tipo di vacanza che consiglio davvero a tutte le famiglie, con bambini o con figli anche pre-adolescenti poiché la vicinanza, la convivenza, la possibilità di passare del tempo insieme a contatto con la natura, rende secondo me le persone migliori, ci si conosce meglio ci si parla di più e certamente si fissano nella mente ricordi indelebili. La divisione dei compiti e delle attività quotidiane rende più responsabili non solo i genitori (gli adulti) ma anche e soprattutto i bambini.. Sofia infatti ama seguire il suo papà ed imparare le varie attività rendendosi utile ogni giorno ed impegnandosi sempre di più.

Ritornando a noi.. Dopo il gioco serale, stanchi morti andiamo a dormire, aspettando per il giorno dopo la visita alla Casa di Babbo Natale (spoiler.. non siamo andati alla fine a vedere la casa di Babbo Natale, davvero troppa gente!!).

Ci svegliamo di buon mattino,bellissimo sole ed un cielo turchese che ci invita ad uscire per fare una bella passeggiata sul lungo lago che a Riva del Garda è davvero ordinato, ben tenuto e rilassante (consiglio a tutti una passeggiata rigenerante fino sul lago fino in centro) ci sono i giochi per i bambini, spiagge di ghiaia, spiazzi erbosi che certamente d’estate devono essere pieni di bagnanti ma che nel mese di dicembre sono deserti e aiutano il riposo della mente.. Come vi dicevo, abbandoniamo l’idea della visita alla Casa di Babbo Natale e torniamo verso il campeggio (entro le 12:00 dobbiamo fare check out). Bene.. si riparte.. Direzione Rovereto per una visita al MART, il museo di arte contemporanea opera dell’architetto Mario Botta inaugurato nel 2002.. Sono anni che lo volevo visitare e sono ben felice di portarci marito e bimbe e dare loro l’opportunità di conoscere l’arte contemporanea italiana (una parte di quella che preferisco, il Futurismo e Depero).. Sofia mi ruba l’iPhone e decide di fotografare tutti i quadri e le opere che preferisce (che soddisfazione!!) poi saliti al 2° piano troviamo 2 salette dedicate ai bambini:
Lo spazio 0-5 anni, caratterizzato dal colore arancione, accoglie i più piccoli con un grande angolo morbido e tanti giochi.
Lo spazio 6-12, tutto verde, ha una grande lavagna per disegnare con i gessetti colorati e tanti libri da sfogliare.
Davvero l’ideale per Sofia ed Elisa e anche per il riposo di mamma e papà.. Noi siamo andati in un giorno dove non erano previsti laboratori ma, controllando sul sito del Museo, potrete trovare una serie di laboratori per bambini e famiglie che vogliono scoprire insieme l’arte contemporanea.

Giornata finita, si riparte in direzione Milano..
Dobbiamo salutare la nostra motorhome Tuono/Fragolina.. La parcheggiamo nel nostro rimessaggio/area di sosta che si trova a due passi da casa.. Lo salutiamo in attesa di organizzare la nostra prossima avventura.. (Austria stiamo arrivando.. )

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Riva del Garda e Rovereto:

Camping Brione – Riva del Garda:

Mart – Rovereto:

Per chi vuole sostare a Milano o per chi cerca un rimessaggio:

 

I mercatini di Natale a Merano..

Volevamo partire il weekend precedente ma Elisa ha pensato bene di prendersi uno dei tanti virus presenti all’asilo nido e quindi, come la maggioranza dei milanesi decidiamo anche noi di partire il 7 Dicembre.. destinazione Merano con i suoi mercatini natalizi.. Che scelta azzardata la nostra..

Imbocchiamo l’autostrada e già abbiamo un assaggio di quello che sarebbe stato il viaggio, una lunga interminabile colonna di automobili in coda verso le località montane prima della Lombardia e poi di Trentino Alto Adige.. Per fortuna che un viaggio in camper rende il tutto meno traumatico, con una cambusa rifornita di cibo, una cucina sempre pronta, un bagno e 4 letti sempre pronti all’uso il tutto risulta essere meno stressante e anche le gestione dei vari bisogni di Sofia ed Elisa risulta essere molto meno impegnativo per tutti.

Comunque, partenza da Milano alle 11:00 circa, una breve sosta per benzina e pranzo veloce, si arriva a Merano attorno alle 18:30, giusto in tempo per parcheggiare (nell’area di fronte alla stazione), scendere e dirigerci subito in direzione portici, lungo Passirio e Mercatini di Natale.. 10 minuti di strada a piedi e si arriva in piazza del Grano, ci facciamo qualche bella foto e proseguiamo per la centrale via dei Portici che ci porta sul Lungo Passirio, dove troviamo le classiche casette di legno con il caratteristico mercatino di Natale. All’ora in cui arriviamo noi però troviamo aperti solo gli stand/ristoranti ma effettivamente è proprio quello che ci vuole, visto il viaggio, il freddo e l’ora tarda.. Ci buttiamo su un ottimo passato di zucca, una minestra sudtirolese e i sempre ottimi Brezel, di cui le bimbe vanno matte, due bicchieri di St. Magdalener davanti ad un futuristico camino che ci scalda un pò.. Finita la cena una passeggiata sul lungo Passirio, la famosa Sissi Promenade,  quindi ci fermiamo a degustare un aromatico Gluhwein (non ditelo a nessuno..ma anche Sofia ed Elisa l’hanno assaggiato!!) nelle tazze dedicate ai Mercatini di Natale e che con 4 euro ci portiamo a casa come ricordo.
Ora però il freddo e la stanchezza cominciano a farsi sentire e decidiamo di tornare al parcheggio per la nostra nanna quotidiana.. Ma noi siamo arrivati di giovedì sera e il venerdì mattina nella piazza di fronte alla stazione viene organizzato il mercato settimanale e quindi non ci possiamo fermare lì a dormire a meno che Paolo non si svegli alle 4:30 per spostare il camper (non mi sembra proprio il caso).. Così ci spostiamo spostarci dirigendoci verso l’area di Sosta Camper – Parcheggio Stadio Combi.
Quando arriviamo noi è ancora praticamente vuota ma durante la notte si riempirà talmente tanto da non riuscire quasi a muovere il camper per uscire dal parcheggio. La notte quindi risulta essere abbastanza rumorosa e non si riposa proprio bene, parlo per me e Paolo perchè Sofia ed Elisa proprio non si fanno problemi.. 🙂

La mattina ci svegliamo presto e decidiamo di andare a fare una passeggiata ai mercatini, il tempo di un giro in giostra , di una sosta (solo informativa) alle Terme (davvero troppa gente) e un pranzo in un ristorante tipico sul Passirio per assaggiare gli Spätzle e un buon strudel di mele..

Merano mi è sempre piaciuta molto, sin da quando bambina venivo in estate con i miei genitori e devo dire che la preferisco in estate, verde, con i giardini pieni di fiori e decisamente molta ma molta meno gente..

Partiamo, destinazione Silandro.. Il paese di tante (se non di tutte) le mie vacanze estive in famiglia.. Prendiamo la strada che da Merano porta a Passo Resia attraverso la Val Venosta, di cui Silandro è il capoluogo.. Ma il meteo non è dei migliori, sembra che voglia nevicare da un momento all’altro e così decidiamo di tornare indietro, riprendiamo l’autostrada in direzione Lago di Garda, per fermarci in un camping a Riva del Garda e visitare il giorno dopo la casa di Babbo Natale.. ma questa è un’altra storia.. la prossima..

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Merano:

Area di sosta Merano:
https://www.camperonline.it/area-di-sosta/parcheggio-stadio-combi_22585

Merano:
https://www.merano-suedtirol.it/en/merano-and-environs/

Mercatini di Natale di Merano:
http://mercatini.merano.eu/

Ristorante Saxifraga
http://www.saxifraga.it/en/Default.asp

Silandro e Val Venosta:
https://www.vinschgau.net/en/silandro-and-lasa.html

Wild Novate Mezzola.. Sul lago di San Fedelino

Questa volta si tratta di un’avventura breve fatta nel corso di una bella domenica di Novembre.

Partiamo da Milano la mattina presto in direzione Lecco, prendiamo la SS 36, continuiamo per Colico e quindi ci dirigiamo verso la Val Chiavenna.. la strada è panoramica, la giornata è ventosa, limpida e ci consente di avere una meravigliosa visibilità sulle montagne che ci circondano. Dopo circa 1 ora di viaggio arriviamo a Novate Mezzola, sull’omonimo lago, un piccolo lago che sembra essere la naturale continuazione di quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno, di manzoniana memoria.

Dopo aver controllato sul sito di camper online ci dirigiamo direttamente verso l’area di sosta camper comunale Lido Beach Novate Mezzola (gratuita), non c’è nessuno, siamo in riva al lago, nel mezzo del nulla, il vento soffia forte e la natura la fa da padrone.. Certamente nel corso della stagione estiva è più facile trovarvi turisti ma oggi la troviamo semplicemente perfetta! Proprio il tipo di area di sosta che stavamo cercando.. Lontano dal caos milanese, anzi certe viste ci fanno anche dimenticare di essere in Lombardia..

Parcheggiamo, scendiamo e facciamo una breve passeggiata sul lago. Esiste una bellissima passeggiata che costeggia tutto il lago, ma per noi e le bimbe oggi c’è davvero troppo vento e quindi ci ritiriamo sulla nostra motorhome e ci godiamo la bellezza del paesaggio direttamente dalla finestra della nostra dinette..

23905306_10214347340698329_2958948087578825695_n

Ma dobbiamo anche lavorare e ci facciamo aiutare da Sofia ed Elisa.. Dobbiamo sistemare i nuovi copri sedili che abbiamo acquistato per proteggere quelli originali che altrimenti si rovinerebbero troppo in fretta (soprattutto grazie a Sofia ed Elisa), molto belli, tono su tono, scelti da me (ovviamente) per mantenere l’eleganza del nostro Ecovip. Non è mica tanto facile montarli ma alla fine ce la facciamo e siamo pronti per pranzare..

Oggi #mammacamperista Paola prepara una bella pasta al sugo di pomodoro che tutti degustiamo con uno sguardo diretto al lago e alle strane evoluzioni che il vento fa fare all’acqua.. Un buon bicchiere di vino rosso e un brindisi alla conclusione di questa breve ma davvero soddisfacente avventura..


Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Novate Mezzola:

Area di sosta camper Novate Mezzola:
https://www.camperonline.it/area-di-sosta/Area-comunale_9718

Comune di Novate Mezzola:
http://www.comune.novatemezzola.so.it/hh/index.php

Per i copri sedili e altri accessori di qualità su misura per il vostro camper:
https://www.larcos.it/it/

2° Tappa.. Tutti insieme a Ferrara

Dopo Mantova la famiglia decide di partire alla volta di Ferrara, la città delle biciclette e fermarci lì per un paio di giorni.
Prenotiamo una piazzola presso il Parcheggio Camper “Rampari San Paolo”, un’area attrezzata con un Camper Service per il servizio di scarico delle acque bianche e nere, erogazione acqua potabile ed attacco elettrico, al costo di 10 euro e partiamo.

Ferrara è sempre stata una tra le mie città preferite, banale definirla a misura d’uomo ma effettivamente per noi che proveniamo da Milano avere tutto a portata di “bicicletta”, con poche macchine, è proprio quello che ci fa godere appieno la nostra gita.
Andiamo subito in centro attraversando le stradine di ciottolato e le case basse di mattoni a vista e in pochi minuti siamo davanti al Castello Estense, ottimamente conservato, con attorno il fossato con l’acqua (non i coccodrilli però!) che è certamente ciò che attira subito l’attenzione di Sofia e di Elisa che tentano di arrampicarsi sul muretto di protezione per vedere che cosa ci sia là sotto.. Facciamo tante belle foto, nel cortile del castello, sul cannone, sul ponte.. Ferrara ci sta proprio piacendo.. Ci spostiamo poco più in là, verso il Duomo, meravigliosa cattedrale romanica consacrata a San Giorgio nel 1135.. Peccato che la facciata sia in restauro e non si possa vedere ma comunque ci facciamo un bel giro dentro e fuori, nella piazza Trento e Trieste, già Piazza delle Erbe con la caratteristica Loggia dei Merciai, occupata sin dal Medioevo da negozi e mercanti di ogni genere.

Ora Sofia ed Elisa gridano al bisogno di riposare e fare merenda.. Come dargli torto, queste povere bimbe costrette da noi genitori a viaggiare, camminare, vedere, conoscere.. Ci fermiamo alla Pasticceria Leon D’oro, ci accomodiamo ad un tavolino proprio davanti al Duomo e ordiniamo 2 bei gelatoni fragola e cioccolato per le bimbe e due prosecchi per mamma e papà con un bel vassoio di cosine da sgranocchiare (per la modica cifra di 10 euro!!!), ci riposiamo e poi ripartiamo alla volta di Palazzo dei Diamanti, Palazzo Schifanoia ed il quartiere ebraico.. Quanta storia, quanta arte, quante emozioni che fanno bene alla nostra anima.

Stanchi morti torniamo alla nostra Motorhome dove ci prepariamo a cenare..le bimbe giocano, papà Paolo si occupa dei soliti lavori sporchi.. Un’altra bella giornata in viaggio è passata ed è ora di andare a dormire.. tra l’altro devo proprio dire che dormiamo tutti meglio che a casa!! Chissà come mai.. 🙂

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Ferrara:

Ferrara:
http://www.ferraraterraeacqua.it/it/

Parcheggio Camper Ferrara:
http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=2174

Pasticceria Leon D’Oro:
https://www.leondoroferrara.it/

Inizia l’avventura.. Mantova stiamo arrivando!

E finalmente arrivò il giorno del nostro primo vero viaggio in camper..
Approfittiamo del Weekend lungo del 1 Novembre per dirigerci verso la nostra prima meta: Mantova, una delle più belle cittadine che si possono incontrare nella nebbiosa Pianura Padana e che merita certamente una visita approfondita.

Arriviamo la mattina verso le 10:00 e ci rechiamo subito all’area di sosta che abbiamo scelto prima di partire – Area di Sosta Sparafucile che purtroppo non è possibile prenotare prima. Fortunatamente quando arriviamo noi ci sono ancora 12 posti disponibili e ci sistemiamo subito nella nostra piazzola e Paolo, da bravo marito, comincia subito con il collegamento dell’elettricità.. bene, funziona tutto.. Sofia ed Elisa sono già emozionatissime e quindi, visto l’incontenibile entusiasmo decidiamo di scendere subito dal Camper e di partire alla volta del centro di Mantova.

La posizione dell’area di sosta è assolutamente perfetta, a 10 minuti a piedi dal centro storico con vista sul Castello di San Giorgio. Il Comune di Mantova mette anche a disposizione una navetta gratuita che dall’area di sosta porta direttamente in centro. Ovviamente noi decidiamo di andare a piedi, attraversiamo il ponte cominciamo la nostra visita dal Castello, Palazzo Ducale con la Camera degli Sposi di Andrea Mantegna che le bambine guardano estasiate con grande soddisfazione della mamma (solo per inciso la mamma Paola è storica dell’arte medievale.. ma lavora nel marketing contro la sua volontà..). Facciamo un giro al mercato di Piazza Sordello dove compriamo 2 simpatici zerbini da sistemare fuori dal camper. A questo punto però ci viene fame..

Dove possiamo andare a mangiare? All’Osteria delle 4 Tette.. Un nome una garanzia!
L’Osteria delle 4 Tette è un posto molto conosciuto a Mantova per la cucina tipica casalinga, il servizio della fronzoli e un buon lambrusco mantovano.. Gnam! Gnam! Risotto alla pilotta, crespelle al vino cotto, zuppa di cavolo nero, trippa bianca con olio evo e pecorino, luccio in agrodolce.. Direi che per oggi abbiamo dato! Il conto poi è pazzesco 54 euro per 4 persone..per noi che veniamo da Milano è come aver pranzato gratis!

Bene, bene.. torniamo verso l’area di sosta per il nostro meritato relax.. Ovviamente abbiamo con noi internet così le bimbe si possono rilassare nella loro cameretta guardando un pò di cartoni animati (grazie Netflix) mentre Paolo scarica le acque nere (qualcuno lo deve pur fare.. ed i lavori duri toccano al marito ovviamente!!) io sistemo la spesa e altre varie cosette in modo da rendere la nostra Motorhome sempre più simile ad una casa su 4 ruote.

Arriva la sera, la prima sera da passare insieme sul camper.. Io non vedo l’ora di provare a cucinare e che cosa decido di preparare? Degli ottimi passatelli in brodo appena acquistati in una panetteria nel centro di Mantova.. Ottimi e belli caldi..
Le serata si conclude con una belle favola raccontata alle bimbe, due camomille (sulla Motorhome abbiamo anche la Nespresso Mini) e due amari per me e per papà Paolo.. Buonanotte!

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Mantova:

Mantova:
ww.turismo.mantova.it/

Osteria delle 4 Tette:
https://www.tripadvisor.com/Restaurant_Review-g187848-d2624482-Reviews-Quattro_Tette-Mantua_Province_of_Mantua_Lombardy.html

Area di Sosta Sparafucile:
http://www.aster.mn.it/index.php/visito/area-sosta-camper#
https://www.camperonline.it/area-di-sosta/area-sosta-sparafucile_8851

 

Si parte..

La nostra Motorhome modello Laika Ecovip 609 arriva il 21 Ottobre 2017 e noi felicissimi andiamo subito a ritirarla presso il concessionario Corbar a Pessano con Bornago per provare l’ebrezza del primo viaggio.. Con Paolo decidiamo di andare a prendere le bambine all’asilo con il nuovo mezzo e così facciamo, tra lo stupore di tutti quelli che ci vedono arrivare con qualcosa che certamente non passa inosservato.. Ma la gioia di vedere la meraviglia negli occhi di Sofia e di Elisa che per la prima volta vedono il camper è impagabile.. Le due camperiste in erba decidono di battezzare la Motorhome con due nomi, uno maschile, TUONO e uno femminile, FRAGOLINA per non fare torto a nessuno!!!

Tutti a bordo quindi… Subito Sofia ed Elisa si impossessano di quella che sarà la loro nuova cameretta e con sorpresa si accorgono che abbiamo portato con noi alcuni dei loro giochi (i personaggi di Toy Story tanto amati) che le bambine sistemano rigorosamente vicino ai loro lettini..

22894332_10155900846052490_6030563148586271810_n

Sofia ed Elisa poi partono alla scoperta del camper.. Quante cose belle ed interessanti: sopra e sotto, salgono sulla scaletta, aprono tutti gli armadi e gli stipetti e scoprono dove potersi nascondere per non essere trovate da mamma e papà.. Aprono il bagno e vedono quanto è grande, con il wc, il lavandino, la doccia proprio come a casa..

Ma qui tutto è più bello perchè la Motorhome non è fatta per stare ferma per per muoversi, per viaggiare, fare tante nuove esperienze e conoscere tante nuove persone..

Ma cosa diranno i nonni.. Abbiamo deciso di non raccontare a nessuno del nostro acquisto e quindi a breve ci sarà una bella sorpresa per tutti!!

Concessionario Corbar – Pessano con Bornago
http://www.corbar.it/