Verso la laguna.. Chioggia e Sottomarina

Eccoci giunti all’ultima tappa del nostro viaggio tra Veneto e Friuli Venezia Giulia..

Lasciamo Cividale del Friuli con i Longobardi e il volo acrobatico di papà Paolo in direzione Sottomarina prima e Chioggia..si torna in Veneto..
Imbocchiamo l’autostrada A4 in direzione Venezia che lasciamo in prossimità di Mestre per la SS 309 Romea, un viaggio tutto sommato tranquillo con Sofia ed Elisa che si riposano desiderose di arrivare finalmente al mare, poter passeggiare sulla spiaggia e, come sempre, raccogliere tante belle conchiglie..

Per fortuna che la lungimirante mamma camperista Paola aveva pensato bene di prenotare per la notte una piazzola presso l’area di sosta camper Dal Padoan, infatti appena arriviamo ci dicono che è rimasto solo il nostro posto e che ci stavano aspettando.. Ci sistemiamo nella nostra graziosa piazzola riuscendo anche a scorgere il mare, la spiaggia è esattamente davanti a noi..

29498026_1826241077680694_7477546421739238722_n

 

Giusto il tempo di una sosta pipì e partiamo subito per una bella passeggiata sulla spiaggia. Complice la bella giornata ventosa c’è davvero tanta gente, la spiaggia è davvero infinita e, respirando tanta bella salsedine procediamo rilassandoci e staccando la mente da ogni pensiero.. Ci accompagna solo il rumore delle onde..Sofia ed Elisa sono intente a raccogliere le loro conchiglie ma si accorgono subito quando arriviamo ad una super area giochi, lasciamo le due bestioline libere di giocare, le lasciamo sfogare su è giù dagli scivoli, con la sabbia mentre io e Paolo le controlliamo da debita distanza..

 

A questo punto però dobbiamo tornare verso la nostra motorhome che ci aspetta, una bella doccia e via con i doveri e le attività serali.. Devo ammettere che mi diverto molto a cucinare in camper: tutto è così vicino e condivisibile che risulta essere anche più gioioso apparecchiare la tavola, pulire, sistemare.. Tutti ai loro posti, tutti che si danno da fare e che collaborano e così anche le attività meno interessanti diventano divertenti e resta sempre lo spazio per una bella risata ed una linguaccia!

 

La mattina dopo si parte dopo una bella colazione..Una bella passeggiata lungo il porto canale ci porta fino a Chioggia, che si rivela davvero una chicca.. consiglio davvero a tutti una visita a questa cittadina.. Insieme a Sottomarina, sorta nel lembo di terra che separa la laguna dal mare crea infatti un unico agglomerato urbano grazie alla formazione dell’Isola dell’Unione e del suo omonimo ponte. Il centro storico di Chioggia, situato sulla punta meridionale della laguna è formato da un alternarsi di isolette delimitate da canali e collegate tra loro da ponti, una piccola Venezia insomma..

Ci fermiamo in una deliziosa enoteca dove ci gustiamo due piatti tipici: sarde in saor e baccalà mantecato, il tutto annaffiato da due freschi aperol spritz! Quale modo migliore per concludere la nostra avventura in terra Veneta?


Infatti è già giunta l’ora di tornare a casa ma non senza un’ultima passeggiata sulla spiaggia e qualche gioco in libertà.. Prendiamo la nostra Motorhome e via sulla A4 in direzione Milano..
Sofia ed Elisa rappresentano al meglio il nostro viaggio di ritorno, infatti dopo pochi minuti eccole già crollate che dormono beate, il riposo delle guerriere.. il riposo delle viaggiatrici in erba!

29511515_1826572677647534_281993436595944130_n

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Sottomarina e Chioggia:

Si vola a.. Cividale del Friuli

Mamma mia come sono rimasta indietro con i miei racconti..

La terza tappa del nostro viaggio in Friuli prevede uno stop a Cividale, cittadina fondata tra il 56 ed il 50 a.C. con il nome di Forum Julii, in onore di Giulio Cesare che nel 49 a. C. la elevò a Municipium. Risparmiata dai Quadi e dai Marcomanni e da Attila, che puntava ad Aquileia, rimase salva fino all’arrivo dei Longobardi. Dopo la caduta di Aquileia divenne il centro più importante della regione tanto che il suo nome indicò l’intero territorio dell’odierno Friuli.

Cividale, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, ti accoglie subito sorprendendoti con le acque verde smeraldo del fiume Natisone, con i suoi palazzi antichi e con il meraviglioso Tempietto Longobardo, la più importante e meglio conservata testimonianza architettonica dell’epoca.

Non mancano mai l’arte e la storia nelle avventure di Mamma Camperista..
Che ricchezza questo paese, ogni angolo, ogni pietra, ogni strada nascondono meraviglie che si devono conoscere e che vanno fatte conoscere.. e Sofia ed Elisa sono sempre con noi, viaggiano, scoprono.. certo ovviamente si stancano ma niente come la conoscenza e l’esperienze di questi viaggi le farà crescere con il desiderio di scoprire e di viaggiare..

..questa volta in realtà la fermata a Cividale l’abbiamo fatta per papà Paolo che ha un appuntamento importante con Luca Bertossio https://www.bertossio.com/bio per un unico, pazzesco volo in aliante.. Date un’occhiata a chi è Luca e poi mi darete ragione.. Vi posso solo dire che io non l’avrei mai fatto ma papà Paolo visto il suo grande amore per il volo e gli aerei non avrebbe mai rinunciato ad una tale opportunità.. 20 minuti di volo e di acrobazie..

Anche Sofia ed Elisa si sono fatte un bel giro in aereo.. ma da terra!!

E poi una volta che papà Paolo è sceso a terra tutto intero, sano e salvo.. Una bella foto tutti insieme.. Mamma Paola è sempre la fotografa..:-)

29511622_10156305113232490_7764663841489929011_n

Dopo questa indimenticabile avventura il piacere di un buon pranzo non ce lo toglie nessuno.. Sofia, grande fan di Quattro Ristoranti, si ricorda che a Cividale del Friuli si trova l’agriturismo vincitore della puntata dedicata al Friuli e cosa facciamo? Ci fermiamo al volo.. Agriturismo Alturis, che consiglio vivamente per l’ospitalità, la qualità del cibo, del vino e l’ottimo rapporto qualità prezzo (che per noi che veniamo da Milano ci sorprende e non poco!!).. Stinco alla birra, frico, salumi misti. ottimo vino rosso della cantina dell’agriturismo.. Che soddisfazione!

Dopo il pranzo, un bel giretto tra i vigneti e gli animali, qualche gioco con le piccole al sole e via risaliamo a bordo della nostra Motorhome per l’ultima tappa di questo nostro viaggio che ci porterà in Veneto, verso la laguna di Chioggia e Sottomarina..

A presto!

Qui di seguito i link utili relativi alla nostra tappa di Cividale del Friuli:

1 Tappa: Milano – Diga del Vajont

Finalmente, dopo tanta pioggia, decidiamo di riprendere in mano il nostro camper e partiamo per una nuova esperienza: un viaggio verso l’Italia Nord-Orientale. Un viaggio che ci farà toccare varie tappe, luoghi storici, luoghi lontani anni luce dalla vita di Milano, luoghi adatti al riposo del corpo e dello spirito, luoghi dove finalmente entrare in diretta comunicazione con noi stessi, per lasciare alle spalle lo stress del lavoro e della quotidianità grigia della città. Per riscoprire ancora una volta che siamo esseri ai quali sono necessari l’aria, la terra, gli alberi, le montagne, la sabbia, il mare, la libertà..esseri ai quali è necessaria la natura, nel senso più puro del termine, e l’idea stessa di viaggio. Due elementi utili a toglierci di dosso le scorie di una vita di doveri che molto spesso appesantiscono e nascondono il nostro vero io..

Dopo questa breve introduzione filosofica.. (ogni tanto ci vuole).. entriamo nel vivo del nostro viaggio con la nostra prima tappa: Milano – Diga Del Vajont.
Perché ho scelto questa tappa? Perché si tratta di uno dei luoghi della memoria dell’Italia, un luogo di silenzio, di meditazione e certamente anche di angoscia ma che va visitato, va interiorizzato e va fatto conoscere.

Partiamo da Milano di buon mattino, alle 8 siamo già on the raod, imbocchiamo l’autostrada A4 in direzione Venezia, viaggio tranquillo senza intoppi.. Ovviamente le bimbe reclamano cartoni e biscotti e noi le accontentiamo con l’Ipad, dove ci siamo scaricati una serie di film di Walt Disney e dove ci accompagna ovviamente anche l’app di Netflix e con una scorta di biscottini Ringo, Kinder Cereali e tanta frutta fresca..che non manca mai..
Proseguiamo il viaggio fino all’uscita di Venezia Nord dove imbocchiamo la A27 in direzione Belluno, bellissima autostrada che attraversa Conegliano Veneto, la zona del Piave con Vittorio Veneto, quindi proseguiamo sulla Strada Statale 51 che costeggia il fiume Piave, Fiume Sacro alla Patria, fino a Longarone per poi passare sulla strada provinciale 51 in direzione Diga del Vajont – Erto e Casso. Longarone, Erto e Casso, Comuni insigniti della Medaglia d’oro al Valor Civile.
E’ con una certa emozione che si entra in questa stretta gola, attraverso gallerie aperte nella roccia e quando meno te l’aspetti, sul lato sinistro ecco apparire quel muro di cemento alto ben 261 metri, costruito tra il 1956 ed il 1960. La diga è praticamente intatta. Procediamo oltre fino ad oltrepassarla. Sul lato sinistro si erge il Monte Toc, la montagna dalla quale la notte del 9 ottobre 1963 si staccò una frana che precipitando nel bacino fece traboccare l’acqua che inondò Longarone e tutta la vallata sottostante, 2000 morti.

Parcheggiamo a lato della strada e camminiamo in silenzio fino alla chiesetta e verso la diga, ci accompagnano le bandierine con i nomi dei 487 bambini vittime del disastro. Un luogo certamente non facile da spiegare soprattutto alle mie bimbe ma Sofia, che ha quasi 6 anni e comincia a comincia a comprendere molte cose della vita, mi chiede perché ci sono tutti quei nomi e certamente la spiegazione non può far altro che intristirla pensando a quanto successo..

La Diga del Vajont non è solo un luogo in una cartina geografica ma è un luogo di memoria, un luogo immerso nello spettacolare scenario delle dolomite venete e friulane che ci hanno accolto con una prepotenza ed una maestosità unica e che ci accompagneranno ancora nel corso di questo bellissimo viaggio.